ANATOLIJ  KARPOV

1951-

12° campione del mondo 1975 - 1985 Nato nel 1951 a Zlatoust nella regione degli Urali (Russia), Anatolij Karpov ha avuto una carriera scacchistica precocissima.
Imparò le regole del gioco degli scacchi a soli quattro anni d'età da suo padre, a undici era già Maestro dell'URSS, a diciotto campione mondiale juniores e Maestro Internazionale, a diciannove Grande Maestro.
Inevitabilmente i massimi dirigenti della Federazione Scacchistica Sovietica puntarono subito gli occhi su di lui come il giocatore che poteva riportare presto il titolo mondiale in URSS, dopo che Spasskij lo aveva perso contro l'americano Fischer.
E Karpov ricambiò presto tale fiducia alle Olimpiadi Scacchistiche del 1972, dove fece il miglior risultato fra tutti i giocatori sovietici partecipanti.
Stranamente però lo stile di gioco del russo inizialmente non entusiasmò i cultori degli scacchi perché giudicato troppo freddo e compassato, senza quegli spunti così brillanti che avevano messo in mostra giocatori come Tal, Spasskij e Fischer.
In realtà lo stile di Karpov è estremamente personale e insolitamente profondo. Egli aveva sviluppato in gioventù le sue capacità non basandosi sullo studio assiduo della teoria delle aperture, che non costituiva certamente il suo punto forte, bensì sulla propria intuizione scacchistica e su un innato senso strategico.
Se si potesse paragonarlo a qualche giocatore del passato, probabilmente i più simili a lui sarebbero Capablanca e Botvinnik.
In ogni caso all'Interzonale di Leningrado del 1973 nessuno riuscì a fermare il giocatore russo, che vinse senza troppe difficoltà.
Nel 1974 partecipò al Torneo dei Candidati ed eliminò uno dietro l'altro giocatori quali Polugaevskij (1934-1995), l'ex campione mondiale Spasskij ed il coriaceo sovietico Korcnoj.
Acquisì pertanto il diritto di sfidare il campione in carica, l'uragano Bobby Fischer, ma il tanto atteso match non avvenne mai.
Fischer tentò di imporre condizioni assurde per l'incontro, perciò la FIDE fu costretta a squalificare l'americano ed a proclamare Karpov nuovo Campione del Mondo. Eccettuato il caso di Alekhine, che era deceduto lasciando vacante il titolo, era la prima volta che uno sfidante si aggiudicava la corona mondiale senza muovere neppure un Pedone contro il detentore.
Per tale motivo gli appassionati degli scacchi fecero fatica a vedere nel russo il nuovo campione mondiale, tuttavia Karpov rispose a questa generale diffidenza da par suo.Difatti nel giro di poco tempo collezionò una serie incredibile di successi, piazzandosi quasi sempre primo nei maggiori tornei internazionali.
Nel 1978 Karpov vene chiamato a difendere per la prima volta il suo titolo di Campione del Mondo e lo sfidante era proprio quel Korcnoj che aveva battuto quattro anni prima durante le selezioni per il match contro Fischer.
Korcnoj aveva accusato la Federazione Scacchistica Sovietica di aver favorito in ogni modo il successo del suo più giovane rivale (fra i due esiste una differenza di vent'anni d'età), quindi in segno di protesta decise di rinunciare alla cittadinanza sovietica e si dichiarò apolide, trovando comunque accoglienza in Olanda.
Con tanta rabbia in corpo, Korcnoj si preparò meticolosamente con l'obbiettivo dichiarato di potersi sedere di nuovo di fronte alla scacchiera per sottrarre quel titolo che a suo parere Karpov deteneva ingiustamente.
Nel 1977 vinse il Torneo dei Candidati e nel 1978 potè finalmente partecipare per la prima volta ad un incontro per la corona mondiale. Il match si svolse a Baguio, nelle Filippine, ma l'esito non gli fu favorevole.Nonostante il suo grande fervore di gioco perse il difficilissimo incontro con Karpov per un soffio, con il punteggio di 15,5 a 16,5 (+5, =21, -6).Indomito e accanito nel carattere almeno quanto lo è nel fumare i suoi amati sigari, Korcnoj vinse un'altra volta il Torneo dei Candidati, e nel 1981 si ripresentò di fronte alla scacchiera di Karpov.
Il match si svolse a Merano, ma il risultato non cambiò, al contrario Korcnoj perse in maniera ancor più evidente col punteggio di 12 a 16 (+2, =10, -6).D'ora in poi la vita scacchistica di Karpov si intrecciò strettamente con quella dell'uomo che sarebbe stato il suo successore Garry Kasparov.
Il match fra Karpov e Kasparov iniziò nel Settembre del 1984 a Mosca. Gli esperti non sapevano formulare pronostici precisi su chi potesse alla fine risultare vincitore. A favore di Karpov c'erano fattori quali l'inoppugnabile solidità di gioco e l'esperienza accumulata nei precedenti match con Korcnoj, tuttavia a favore di Kasparov c'erano la forza della giovinezza e il brillante stile combinativo che aveva messo in mostra durante tutta la sua veloce carriera.
Con grande sorpresa degli osservatori, che si aspettavano un incontro più equilibrato, Karpov si portò abbastanza rapidamente sul 4 a 0, sfruttando in particolare l'irruenza del gioco dello sfidante.Infatti Kasparov, non abituato a lunghe lotte posizionali sulla scacchiera, tendeva sempre a forzare il gioco alla ricerca di combinazioni vincenti, naufragando però contro la granitica difesa di Karpov.
Quando il campione in carica si aggiudicò un'altra partita portandosi sul 5 a 0, gli osservatori ritennero che Kasparov fosse ormai spacciato.
Tuttavia non avevano fatto i conti con la caparbietà dello sfidante. L'azerbaigiano, accortosi che era troppo pericoloso forzare in continuazione la posizione sulla scacchiera alla ricerca della vittoria, cominciò a giocare esclusivamente per la patta. I risultati non si fecero attendere: il match proseguì senza che Karpov riuscisse a vincere quella sesta partita che gli avrebbe concesso a norma di regolamento di mantenere lo scettro di Campione del Mondo.
Dopo oltre tre mesi il match era arrivato a 30 partite e Karpov era ancora bloccato sul punteggio di 5 a 0 in suo favore.
La situazione apparve sfiancare psicologicamente non poco il campione in carica, che si vedeva continuamente ad un passo dalla vittoria senza mai poterla raggiungere.Tutta questa pressione finì per danneggiarlo.
Kasparov infatti si aggiudicò la trentaduesima partita, poi, dopo una serie snervante di ben 14 patte, anche la quarantasettesima e quarantottesima partita. Il punteggio adesso era di 5 a 3 per il campione in carica, ma appariva ovvio che lo sfidante fosse in piena fase di rimonta. A questo punto accadde l'incredibile.
Il 25 Febbraio 1985 il Presidente della FIDE, Florencio Campomanes, con una decisione arbitraria, annullò tutto il match perchè, a suo insindacabile parere, il match stava durando troppo (si era in effetti arrivati al quinto mese di gioco!) e questo nuoceva non soltanto alle prestazioni dei giocatori ma incideva anche sulla popolarità della sfida per il Campionato del Mondo.
Difatti il match era iniziato suscitando l'interesse generale dei mass media, ma in seguito tale interesse era diminuito progressivamente a causa della lunghezza interminabile dell'incontro.
Campomanes annunciò anche che fra poco ci sarebbe stato un nuovo match fra Karpov e Kasparov, ma con un regolamento diverso.
La vittoria verrà aggiudicata a chi vincerà per primo sei partite su un totale di 24. Nel caso nessuno dei due contendenti riuscisse nell'impresa entro tale limite, la vittoria andrebbe a chi ha totalizzato più punti.In caso di parità di punti anche dopo la ventiquattresima partita il titolo resterebbe al campione in carica. Inoltre, in caso di vittoria dello sfidante, Karpov avrebbe avuto diritto ad un match di rivincita entro qualche mese.
Questa decisione arbitrale suscitò un vespaio di polemiche. Kasparov si sentì defraudato della rimonta, ma anche Karpov fu ufficialmente contrario all'interruzione del match (in fondo era ancora in vantaggio di due punti sullo sfidante), tuttavia il Presidente della FIDE fu irremovibile ed il match fu annullato. Il nuovo match tra Karpov e Kasparov si svolse a Mosca fra i mesi di Settembre e Novembre 1985.
Kasparov si portò subito in vantaggio nella prima partita, ma dopo un paio di patte Karpov vinse due partite di seguito.Ora il campione era di nuovo davanti al suo avversario con il punteggio di 3 a 1. Seguirono cinque patte più o meno combattute, ma poi Kasparov pareggiò i conti vincendo l'undicesima partita.
Il match si stava facendo entusiasmante.
Dopo altre quattro partite finite in parità lo sfidante vinse anche nella sedicesima partita. Poi ci furono due pareggi ed infine un'altra vittoria di Kasparov, che si portò in tal modo sul punteggio di 10,5 a 8,5.In questa situazione così delicata Karpov reagì bene, pattando altre due partite e vincendo la ventiduesima. Seguì un'altra patta, poi il 9 Novembre 1985 i due contendenti si trovarono di fronte alla scacchiera per la ventiquattresima ed ultima partita, quella decisiva.
Karpov giocava col Bianco e doveva assolutamente vincere per pareggiare il match e conservare il titolo. In questo modo si verificò un fatto curioso: Karpov, cultore del gioco posizionale, si trovò costretto a giocare in attacco, mentre Kasparov, amante del gioco tattico, al contrario dovette cominciare la partita in modo prudente per poter conservare quel punto di vantaggio, fondamentale per strappare la corona mondiale al suo rivale.
Alla quarantatreesima mossa Karpov si arrese e Kasparov divenne il nuovo Campione del Mondo con il punteggio finale di 13 a 11 (+5, =16, -3).
Nel match di rivincita, disputato l'anno seguente per la prima metà a Londra e per la seconda metà a Pietroburgo, Kasparov confermò il suo titolo mondiale, ma stavolta il distacco dal suo rivale fu di un solo punto.
Nel frattempo si stava acutizzando il dissenso di Kasparov nei confronti della FIDE, soprattutto sulla maniera di gestire i tornei ed i match mondiali, giudicata arcaica dal campione.
Pertanto nel 1986, insieme ad altri forti giocatori, fondò la GMA (Grand Masters Association), col chiaro intento di smussare l'autorità della FIDE.
Comunque circa tre anni dopo Karpov si ripresentò puntualmente di fronte alla scacchiera iridata di Kasparov, dopo aver eliminato tutti gli altri pretendenti al Torneo dei Candidati.
Il terzo match fra i due campionissimi si svolse a Siviglia verso la fine del 1987.
Karpov si portò subito in vantaggio nella seconda partita del match, ma fu raggiunto altrettanto velocemente da Kasparov nella quarta partita. Karpov però vinse la partita successiva, riportandosi immediatamente in vantaggio.
Era più che evidente che lo sfidante si era preparato col massimo impegno per questo match, ansioso di riprendersi quel titolo che aveva detenuto ininterrottamente per dieci anni.
Tuttavia Kasparov reagì da par suo, aggiudicandosi l'ottava e l'undicesima partita del match.
Ebbene, nonostante a Karpov bastasse una patta per riconquistare la corona mondiale, la partita conclusiva venne vinta dal campione in carica, che giocò con grandissima determinazione mettendo a segno un attacco vincente nel finale. Con il punteggio di 12 a 12 (+4, =16, -4) Kasparov restò, seppur con qualche difficoltà, aggrappato allo scettro di Campione del Mondo.